Home

padre Modesto Eugenio Carolfi

(1884 – 1958)

foto dal sito UECI

Presento qui un altro pioniere dell’Esperanto, padre Modesto Eugenio Carolfi (1884-1958) che con dedizione e passione personale ha contribuito a introdurre e a fare conoscere l’esperanto in ambiente cattolico. Egli è stato presidente della Federazione Esperantista Italiana nel periodo immediatamente successivo alla prima guerra mondiale, fondò diversi gruppi esperantisti, tra cui il primo “Gruppo Esperantista Riminese – GER” e insegnò la lingua esperanto in diversi corsi [ http://www.ueci.it/k_sento/ks_2009/ks_2009_n1.htm] . Fu anche il fondatore dell’ U.E.C.I: l’Unione Esperantista Cattolica Italiana Il presente “ritratto psicologico” è stato ricavato dall’analisi grafologica da me fatta su di un suo scritto del 1924, quando egli aveva 40 anni. Si tratta di una cartolina postale da lui indirizzata ad un altro francescano esperantista, abitante in Austria, con il quale teneva una corrispondenza in lingua internazionale. Pochi lo ricordano. Io stessa non ne avevo mai sentito parlare, ma la sua scrittura – fedele testimonianza psico-grafica – molto ci può raccontare di lui anche a distanza di tempo. Il metodo grafologico adottato è quello di Girolamo Moretti (1879-1963), caposcuola della grafologia italiana ormai conosciuto in tutto il mondo.

PROFILO DELLA PERSONALITA

di Modesto (Eugenio) Carolfi

________________________________________________________________

___________scheda grafologica (*)___________

 segni:  

  • Intozzata I° modo (aste ingrossate) 9 –   aspirazione al comando e all’indipendenza
  • intozzata II° modo (nei risvolti) 4-5 –   impressionabilità (sopra la norma)
  • attaccata 9 – logica serrata, consequenzialità (sopra la norma)
  • mantiene il rigo 8 – tenuta psichica
  • minuta 7 – pensiero penetrante, osservazione
  • slanciata 6-7 – intraprendenza, entusiasmo
  • chiara 6-7 – chiarezza concettuale, proprietà di linguaggio (buon grado)
  • aste ritorte 6 – diffidenza, ostilità acquisita e in atto
  • aste rette 4   – introiezione delle norme (sotto la media)
  • accurata spontanea 6 – attenzione senza studio, scrittura spontanea
  • curva 4-5 – benevolenza (nella media)
  • larga di lettere (LDL) 5 – comprensione, quantità intellettiva (nella media)
  • larga tra lettere (LTL) 6 – giudizio tendenzialmente generoso, disponibilità
  • larga tra parole 3 (ovvero STP=stretta tra parole) – scarso senso critico, domina l’intuizione per la presenza anchedel segno disuguale metodicamente sopra la media in scrittura minuta
  • angoli A 6 – grinta, intraprendenza, amor proprio
  • angoli B 4 – tenacia ragionevole nel difendere le proprie idee
  • angoli C 5 –   amabilità e saper fare nella media, senza manipolazioni né artificiosità
  • disuguale metodicamente 6 – intuizione, originalità, intraprendenza, irrequietezza (sopra la media)
  • parallela 4 – sinuosa 3 – contorta 3 – nessuna indicazione psichico-psicologica caratterizzante; semmai ansia di identità che può dar l’impressione di rigidezza che in realtà non esiste per la variabilità di tutto il contesto (ritmo, pressione, inclinazioni, calibro delle singole lettere minori) Una situazione del genere non mi era mai capitata….
  • arcuata 5 – a festone 5 – introversione/estroversione in uguale grado, nessuna significatività, semmai una ambivalenza
  • pendente 4 – affettività / assimilazione / estroversione (tendenza ad un giusto grado di calore umano)
  • confusa: cenni (1) – ininfluente nello scritto, ma latente in prospettiva
  • firma uguale al testo –   corrispondenza tra IO individuale (il testo) e IO sociale (la firma) = sincerità

________________________________________________________________

 immagine ritagliata scritto di Carolfi

(cliccare due volte sull’immagine per vederla più ingrandita)

La personalità di Carolfi appare subito dal punto di vista grafologico inequivocabilmente assai emotiva e vivace: nel pensiero, nel sentimento e anche nell’azione. Egli si distingue per il suo temperamento, che è prevalentemente di assalto (angoli A tendenti al 6, intozz. I° modo elevatissimo e lo si vede bene nell’indirizzo, slanciata 6-7, aste col concavo a sinistra 6) (**) Andando di più in profondità, analizzando cioè i diversi segni grafologici in base alla loro pregnanza e mettendoli in combinazione dinamica tra di loro, si possono individuare motivazioni e modalità di comportamento. Spunta inevitabile una domanda: che ruolo avrà avuto sul suo carattere l’attività di sacerdote?

Atteggiamenti, comportamento, motivazioni prossime e remote: Caratterialmente si lascia animare emotivamente dalle meraviglie, stupori, suggestioni o malumori provenienti dall’ambiente in cui vive. E’ una tendenza innata e piuttosto marcata in lui (intozz. II°). La sua psiche assai ricettiva ed impressionabile, viene facilmente sollecitata e sottoposta a frequenti sobbalzi emotivi, che possono essere sia di natura euforica che depressiva. Per la loro frequenza e subitaneità, egli non riesce ad elaborarli in tempi adeguati (STP, veloce, slanciata), a farli sedimentare, per cui prova forte l’impulso a reagire con altrettanta immediatezza e rapidità come è il suo sentire.

Come tutte le emozioni, questi colpi e contraccolpi si ripercuotono alla lunga anche sul fisico (una forte emozione, ormai lo si sa, fa aumentare il battito cardiaco, possono esserci delle sudorazioni, il succedersi incalzante di stati emozionali negativi può causare ipertensione…) lasciandogli una facile irritazione generale e dei possibili turbamenti interiori che puntualmente vengono trasmessi a tutto il sistema, anche a livello neuro-muscolare, e vengono fedelmente registrati nell’atto di scrivere. Essendo però dotato di una notevole vitalità, padre Carolfi trova nell’azione la possibilità di uscire da sé, di scaricare le tensioni, di impegnarsi e di confrontarsi con l’ambiente circostante e questo, almeno parzialmente, lo distoglie dalla criticità di alcune situazioni. (intozz. I°, disuguaglianze nel calibro, LTL, veloce,) L’impulso ad agire per superare gli ostacoli è pure talmente forte, che lo porta a sperimentare strade nuove e ad essere una persona davvero colma di intraprendenza e protagonista.(slanciata, mantiene il rigo, STP, intozzata I°)

La rapidità con cui le impressioni agiscono sulla sua immaginazione e sul suo sentire, sia in chiave positiva che negativa, è tale che egli si sente immediatamente coinvolto nelle situazioni (pendente, intozz. II°) ed ha l’ambizione, o presunzione, o illusione di poterle affrontare tutte da solo. (intozz, I° m., mantiene il rigo) La forte spinta all’auto-affermazione, la volontà e sensazione di potere e la fiducia nelle proprie capacità (assenza di titubanze) – abbinati al ruolo di sacerdote che riveste socialmente – accentuano il desiderio e la consapevolezza che è suo dovere proteggere il più umile, il bisognoso. Si lascia molto trasportare e guidare dagli eventi nei quali si impegna con trasporto, entusiasmo, arditezza e, oserei dire, incoscienza. (slanciata con intozz. II, cenni di confusa) La sua vivacità di interessi e ricchezza di idee è sempre comunque rivolta alla concretezza ed agli aspetti più pratici della vita, non è determinata da un pensiero troppo teorico-speculativo, perché ama concludere senza troppe attese né perdite di tempo. (attaccata, minuta ma con slancio, allunghi inferiori più pronunciati, LTL sopra la media, veloce, chiara e STP) Non si perde mai d’animo. (mantiene il rigo, angoli B 4) Può prendere delle decisioni audaci ed ardite sotto l’influenza delle impressioni prevalenti del momento. E’ sempre molto agitato. Anche il sonno risulta agitato. (pressione, ritmo).

E’ presumibile che i momenti di meditazione e di calmo isolamento in preghiera, richiesti dal suo ruolo di uomo religioso, siano per lui un vero toccasana, perché gli permettono quella forzata pausa di riflessione e quei ripensamenti di cui solitamente difetta a causa dell’iperemotività e dell’iperattività. (tutto il contesto con parca e ricci della sobrietà) Concreto e fattivo, non si lancia mai in imprese troppo grandi e ambiziose dal punto di vista spirituale (allunghi inferiori più pronunciati, STP), o troppo complicate: è immediato, sia nelle risposte che nelle scelte, per una pronta soluzione pratica dei problemi (veloce, slanciata, STP). Dove scarseggia la riflessione arriva l’intuito e il dato appreso dall’esperienza, anche dall’esperienza dei propri errori. (disuguaglianze del calibro, aste ritorte con pendente)

L’esperienza gli ha insegnato la caparbietà e la protervia, se vuole raggiungere determinati scopi.Ci sono in lui atteggiamenti di sfida, di sdegno, di aggressività trattenuta, che cerca di nascondere anche a se stesso (parca e cenni di riccio nascondimento, ricci del riserbo). L’esperienza religiosa gli ha invece insegnato a mostrare un volto più moderato rispetto all’intimo sentire (parca, mantiene il rigo, minuta, chiara), che non è immune da ostilità o avversioni. (pendente, aste ritorte, intozzature dei due tipi) Si avverte in lui perciò una dualità di comportamenti: da un lato la resistenza a priori e l’esigenza di autonomia, dall’altro la dedizione al prossimo e la rinuncia alle proprie esigenze. (aste ritorte con intozz. I° da un lato, e pendente, LTL sopra media e slanciata dall’altro) Credo lo si possa considerare proprio un virtuoso per quest’ultimo risultato. Le battaglie sue interiori sono inimmaginabili per la gente comune. Ne esce moralmente vittorioso (mantiene il rigo, parca e ricci della sobrietà) Il suo impegno umano, la sua scelta di vita verso il sociale più che verso quella egoistica individuale, danno un senso alla sua esistenza (pendente, mantiene il rigo), lo infervorano ed entusiasmano (LTL e disuguaglianze nel calibro, STP), ma per questo paga lo scotto di un vivere interiore sempre molto tormentato, frenetico, esaltato. (intozz. II, aste ritorte, cenni di confusa latente)

Intelligenza: la si può definire semplice nelle impostazioni generali, non complicata. Egli ama la vita semplice. (larghezze nella media, attaccata, STP) Siccome anche negli apprendimenti si lascia influenzare emotivamente, non è mai calmo e sereno e questo può rendere il suo giudizio a volte poco obiettivo. Più che a conoscere la realtà egli aspira ad agire su di essa e questo è anche lo spirito con cui affronta la sua vita. Verso la realtà ha decisamente un atteggiamento pragmatico. Ha una intelligenza capace di assimilazione è vero (pendente, attaccata) ma non ama troppo i tecnicismi, piuttosto ama improvvisare secondo l’estro del momento: anche culturalmente presenta dunque delle orginalità tutte sue, e può andare in controtendenza, semplicemente. (disuguaglianze metodiche nel calibro, minuta, intozzata I e II., aste ritorte)

Affettività: malgrado le interne turbolenze e la sua aspirazione all’autoaffermazione (intozz. I°, parca, r. nascond., slanciata), egli ha una affettività tendenzialmente partecipativa e piena di calore umano. La sua emozionalità diventa ricchezza e l’esigenza di considerazione (pendente, intozzata I°) gli consente di instaurare dei buoni e duraturi rapporti con il prossimo (pendente, chiara, parca, mantiene il rigo). Non tiene a lungo risentimenti o rancori (slanciata e intozz. II°): al massimo rimbrotta con tempestività e vivacità chi lo ha ingiustamente ferito (aste ritorte, angoli A), per poi andare avanti, sapendo anche perdonare. (veloce, slanciata, STP) Sa, insomma, rendersi anche molto simpatico. Il suo entusiasmo non lascia indifferenti. (slanciata, pendente e intonata II)

Attitudini: E’ portato ad attività che richiedono contatti con gli altri. Ha buone doti di propaganda. (pendente, slanciata): potrebbe essere un buon commerciante, un buon venditore, per l’intraprendenza e la capacità di entusiasmarsi, ma anche perché sa entrare nelle esigenze degli altri ai quali sa trasmette una buona dose di calore umano. Per concludere, padre Carolfi è principalmente una persona d’azione mossa dal sentimento. Ama il tangibile e vivere il momento presente, è molto eccitabile ma sembra avere imparato – quasi come un virtuosismo – ad incanalare le proprie energie in attività partecipative e per lui gratificanti dove, nonostante il proprio bisogno di imporsi e di essere protagonista, il TU viene posto allo stesso livello dell’IO. (tutto il contesto con mantiene il rigo) La sua vivacità di interessi, la sua curiosità e la ricchezza emotiva, nonché un certo grado di sensibilità artistica (non dimentichiamo che si lascia facilmente impressionare e sente con immediatezza), lo rendono un grande estimatore dell’arte (sia vista che ascoltata), un cultore. L’arte riesce a suscitare in lui sensazioni di vero piacere e di grande apprezzamento. (STP, intozzata II, disuguaglianze nel calibro, slanciata) In ambito religioso ha avuto diverse occasioni di incontrare opere di famosi pittori e scultori.

Alla domanda iniziale “che ruolo avrà avuto sul suo carattere l’attività di sacerdote?” posso ora rispondere con ragionevole sicurezza che essa, positivamente, è servita a mortificare le sue diverse esuberanze, a correggere i suoi numerosi difetti e a favorire l’emergere delle sue qualità. Non è cosa da poco. Era la persona giusta nel posto giusto.

________________________________

(*) segni calcolati in decimi, secondo il metodo grafologico italiano di Girolamo Moretti.

(**) Moretti suddivide i temperamenti in quattro tipologie: attesa, cessione, assalto e resistenza. I temperamenti sono innati, alcuni aspetti si possono tra loro intrecciare, ma quello che emerge è sempre e solo uno dei quattro, che spicca sugli altri.

Advertisements

2 thoughts on “la personalità di padre Carolfi – pioniere esperantista

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s