Home

Umberto Eco forpasis la 19-an de februaro, en Milano, kaj mi evidentigas por vi  la artikolon de Gianluca Bartalucci (wordpress), lia eksa universitata studento, kiu skizas, per simplaj vortoj, la labormetodon de Umberto Eco fronte de skribenda libro. Umberto Eco estas konata ankaŭ de la esperantistoj, ĉar li – inter la diversaj temoj – interesiĝis lingvistike ankaŭ pri la  internacia lingvo Esperanto. Ĉi-teme, mi ankaŭ evidentigas interviujon farita al li en la fora novembro 1993, kaj legebla (itale) ĉe: http://www.internacialingvo.org/it/la-lingua-federale/ni-parolas-esperante/item/7886-esperanto-conversazione-con-umberto-eco.html

 

 

Umberto Eco è deceduto il 19 febbraio, a Milano, ed evidenzio l’articolo di Gianluca Bartalucci (wordpress) suo ex-allievo universitario che traccia in breve, con parole semplici, il metodo di lavoro di Umberto Eco di fronte ad un libro da scrivere. Umberto Eco è noto anche agli esperantisti poiché – tra i diversi argomenti – egli si è interessato linguisticamente anche della lingua internazionale Esperanto. A tal proposito evidenzio anche un’intervista a lui fatta nel lontano novembre 1993, leggibile (in italiano) su:

http://www.internacialingvo.org/it/la-lingua-federale/ni-parolas-esperante/item/7886-esperanto-conversazione-con-umberto-eco.html

(lingvovojo)

————————————-

 

Some1elsenotme

La semiotica non è una materia effimera, come superficialmente tende a pensare chi non l’ha affrontata o capita. E’ sorella della logica, è cugina alla lontana dell’intelligenza artificiale. Ho conosciuto Umberto Eco vent’anni fa (…) col suo Trattato di Semiotica Generale, e fu l’aprirsi di un mondo. Poi ho letto alcuni (non tutti) dei suoi libri di narrativa – quel capolavoro postmoderno de Il nome della rosa, Il pendolo, La misteriosa fiamma (che sul fascismo t’insegna più tanti libri di storia). Il suo Come si scrive una tesi di laurea mi ha fatto capire a che serve scrivere una tesi, l’ha trasformata in un’avventura alla Doyle, e me l’ha fatta scrivere. Mi ha proprio messo di fronte al computer e me l’ha fatta scrivere. Che non era per nulla scontato. Pian piano ho letto anche parecchia altra sua roba – tutti i saggi sulla letteratura e sulla teoria della…

View original post 203 more words

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s